Il bordo vertiginoso delle cose - Gianrico Carofiglio

Non viviamo forse tutti in bilico sul bordo delle nostre esistenze?

08/06/2014

Quante volte vi sarà capitato di vivere la vostra vita in bilico, come su un filo, come sul "bordo vertiginoso delle cose" ?

La vita va capita, va saputa interpretare.

Lo sa bene Enrico Vallesi, il protagonista di questo delizioso romanzo che lo stesso Carofiglio ha definito: una biografia delle emozioni.

A Enrico basta una pagina di un giornale aperto distrattamente, un fatto di cronaca, un nome che arriva dal passato e la sua vita si avvicina al "bordo".

Ora deve capire chi è, da dove arriva e dove vuole andare.

Allora, così, senza un programma, senza un'idea ma solo con una meta, parte alla ricerca della sua essenza. 

Un viaggio da Firenze, dove vive e lavora come scrittore, verso Bari, sua città natale. Un viaggio alla  ricerca non sa bene di cosa, forse di persone o emozioni lasciate nel suo passato, che non è riuscito ne ad elaborare ne a dimenticare.

Tornare nella sua città significa ripercorrere le fasi della sua vita, l'infanzia, l'adolescenza, le amicizie, gli amori, le ribellioni e le paure, guardandoli finalmente negli occhi con lo sguardo adulto di chi vuole capire.

Grazie al fratello, ad amici, alla casualità di alcuni incontri, riuscirà a ripercorrere sentieri dimenticati da tempo e persone che hanno segnato la sua crescita. Come Salvatore, compagno di classe ribelle e carismatico o Celeste, supplente di filosofia che invita gli alunni a guardare oltre "il bordo vertiginoso delle cose", oltre il bordo dell'esistenza umana, senza aver paura di cedere e di perdere l'equilibrio della vita. 

La storia di Enrico è la storia di ognuno di noi ...non viviamo forse tutti in bilico sul bordo delle nostre esistenze?Spetta a noi scegliere se vivere intensamente tuffandoci oltre il bordo o fare dei passi  indietro salvaguardando tutto ciò per cui abbiamo vissuto finora. 

Complimenti Signor Carofiglio, con questo romanzo ci ha insegnato molte emozioni, ma sopratutto ci ha insegnato che per poter andare avanti a volte basta semplicemente tornare indietro.


Donatella Pes