Avevano Spento anche la Luna - Ruta Sepetys

La luna è li, alta nel cielo e nessuno può credere che si possa spegnere...

05/05/2014

La luna è li, alta nel cielo e nessuno può credere che si possa spegnere, eppure per Lina, quindicenne Lituana, una sera la luna si spegne. Quella luna ha il viso della polizia sovietica, che irrompe in casa e sequestra, senza pietà, lei, la sua mamma e il suo fratellino.

Verranno deportati in Siberia, in crudeli campi di lavoro. Perché? Perché hanno commesso un reato gravissimo: 

"semplicemente quello di esistere". 

Questo libro non é solo la storia devastante del loro viaggio verso questi lager, ammassati come animali in un treno, al freddo, alla paura; ma è anche una storia di sostegno, di amicizia, di speranza, di sogni.

Perché possono spegnere la luna, ma nessuno può spegnere la speranza di farcela,nessuno può spegnere la dignità umana.

Lina questo lo sa bene, infatti sogna la libertà e negli attimi rubati alla fatica disegna, documentando i luoghi e le emozioni che prova, per lasciare una traccia del loro passaggio a suo padre, deportato in un altro campo di prigionia. Riusciranno a ritrovarsi?

Questo libro è tratto da una storia vera e Ruta  Sepetys ci trascina con passione tra queste pagine e ci fa sentire a pelle, non solo i luoghi e le persone, ma il dolore, la gioia, i profumi, i suoni e i colori. Come se a viverlo fossimo solamente noi.

E Lina ci insegna che la luna oggi è ancora alta nel cielo, forse non è spenta, perché se anche una sola persona coltiverà  l'amore e la speranza, nessuno potrà più spegnerla!


Un libro assolutamente da non perdere!!!


Donatella Pes